Ultima modifica: 9 Aprile 2020

A Davide …

                                                                     A Davide…    nastro lutto

Scriveva Alessandro Manzoni: “La vita non è già destinata ad essere un peso per molti, e una festa per alcuni, ma per tutti un impiego, del quale ognuno renderà conto.”

E l’impiego che Davide Frisoli amava svolgere era quello di affrontare tutto, dagli incarichi più importanti, a quelli meno elevati, con leggerezza. Leggerezza nell’amministrare una scuola, dimostrando di essere una guida desiderosa di condividere i passi che muoveva. Leggerezza nel fare la spesa al supermercato, dopo ore passate in ufficio: poteva capitarti di vederlo soffermarsi davanti agli scaffali nel tentativo di fare acquisti che corrispondessero, senza errore, alle indicazioni che, da casa, gli venivano appuntate sulla lista della spesa che consultava spesso. Ma anche in quel frangente non si sottraeva dallo scambiare due parole con gentilezza e amabilità.

Davide, per due anni scolastici, dirigente reggente di questo Istituto, dal settembre 2016 all’agosto 2018, era così. Mai pedante nelle sue affermazioni, incapace di pronunciare sentenze, sempre pronto a raccontarsi, magari nel tentativo di far raccontare agli altri qualcosa di sé, retaggio questo, probabilmente, dei suoi studi di psicologia e psicoterapia. In tanti ricordano ancora le parole che aveva pronunciato nel suo primo collegio nell’aula magna della sede centrale “Baseggio” quando si era presentato dicendo che, ogni qual volta un docente avesse bussato al suo ufficio e avesse esposto le proprie ragioni, ne sarebbe uscito con la certezza che il preside aveva condiviso la sua posizione. E la stessa sensazione l’avrebbe avuta, però, il collega che avesse parlato con lui, evidenziando un’idea totalmente opposta.

“Non crediate che io vi dia ragione… vi ascolto e – aveva concluso – poi decido”.

Davide era così amabile e cortese, a dar prova di quanto la gentilezza sia uno dei valori aggiunti per chiunque voglia svolgere lavori anche ad alti livelli.

Ci mancherai, preside Frisoli.
Alla tua famiglia, ai tuoi cari, vada il nostro abbraccio più caloroso e la nostra vicinanza.




Link vai su