Ultima modifica: 9 Settembre 2019

Patto di corresponsabilità

Il patto educativo di corresponsabilità “definisce in maniera dettagliata e condivisa diritti e doveri tra istituzione scolastica autonoma, studenti e famiglie” (DPR 235/2007). Il rispetto di tale Patto costituisce la condizione indispensabile per costruire un rapporto di fiducia reciproca, per potenziare le finalità dell’Offerta Formativa, per motivare gli studenti e guidarli al successo scolastico.

 

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÀ

 

La scuola si impegna a:

  • creare un clima sereno e corretto, per favorire lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze;
  • mantenere un atteggiamento di ascolto, prestando attenzione alle esigenze degli alunni;
  • valorizzare le diverse abilità e offrire sostegno nelle situazioni di disagio;
  • contrastare il pregiudizio e l’emarginazione;
  • offrire agli alunni modelli di riferimento e di comportamento corretto, rispettoso delle regole, disponibile al dialogo e al confronto;
  • prevenire, vigilare e intervenire in caso di episodi di bullismo, cyberbullismo, vandalismo, inosservanza delle regole di convivenza civile;
  • realizzare i progetti indicati nel POF e i percorsi disciplinari delle programmazioni;
  • verificare e valutare seguendo le indicazioni del protocollo di valutazione di Istituto;
  • comunicare con le famiglie degli alunni in merito ai loro risultati, ai loro progressi, alle loro difficoltà ed al loro comportamento;

 

La famiglia si impegna a:

  • instaurare un dialogo costruttivo con il personale della scuola, nel rispetto dei ruoli e delle professionalità;
  • contribuire a far comprendere al proprio figlio che il sapere è un valore in sé, da ricercare con costanza ed impegno;
  • tenersi aggiornata su impegni, scadenze, iniziative scolastiche, controllando quotidianamente il registro elettronico e il libretto personale e firmando tempestivamente le comunicazioni scuola famiglia;
  • partecipare con regolarità alle riunioni previste, ai colloqui individuali e alle iniziative scolastiche, comprese le occasioni di formazione/informazione istituite dalla scuola sulle problematiche inerenti all’educazione dei figli (educazione alla legalità, all’uso corretto di internet, all’affettività…);
  • far rispettare all’alunno gli orari di entrata e di uscita da scuola; giustificarne le assenze con puntualità e precisione, allegando, quando necessario, il certificato medico;
  • far comprendere al proprio figlio l’importanza delle regole nella convivenza civile anche attraverso la presa visione del regolamento di disciplina di Istituto, e esigere il rispetto nei confronti di persone, strutture, arredi, materiale didattico da parte dell’alunno;
  • vigilare sul comportamento del figlio sia nella quotidiana vita di relazioni che nell’utilizzo delle tecnologie (cellulari e internet);
  • curare l’igiene e l’abbigliamento decoroso del proprio figlio.

 

L’alunno si impegna a:

 

  • rispettare le persone, le regole, le consegne, gli impegni, le strutture e i materiali;
  • comportarsi ed esprimersi educatamente, mantenendo un comportamento consono alla specificità dell’ambiente scolastico, in particolare in riferimento all’uso del linguaggio e dell’abbigliamento;
  • avere fiducia nei propri insegnanti e nel percorso che questi hanno progettato per la sua crescita personale, sociale e culturale;
  • frequentare regolarmente e con puntualità le lezioni, le attività didattiche, disciplinari e opzionali scelte; svolgere i compiti per casa assegnati e dimostrarsi disponibile a migliorare, a partecipare, a collaborare;
  • in caso di assenza, informarsi circa le attività svolte a scuola e i compiti assegnati per casa attraverso il registro elettronico e/o un/a compagno/a responsabile;
  • avere sempre con sé il libretto scolastico, il diario e il materiale occorrente per le lezioni;
  • far leggere e firmare tempestivamente ai genitori le comunicazioni della scuola;
  • conoscere le regole dell’Istituto (per le secondarie, il regolamento di disciplina di Istituto) e rispettarle;
  • ricordare che l’uso del cellulare a scuola e durante le attività scolastiche ed extrascolastiche è vietato.

 

Il genitore, presa visione delle regole che la scuola ritiene fondamentali, sottoscrive con il Dirigente scolastico il Patto educativo di Corresponsabilità, che costituisce parte del Regolamento d’Istituto e del Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF).

scarica




Link vai su